Compiti per le vacanze

2F482ABE-6035-4F63-9ACB-A529127B0EF7

Io so che non dovrei dirle queste cose, ma godo della fama di prof dalla “manica larga”.

Dite che é un cosa grave?

Pochi giorni fa un mio alunno ha affermato, entusiasta, nell’Aula magna (di fronte a tutta la scuola, dirigente compresa), nel momento in cui tutti gli alunni dell’Istituto chiedevano una scuola più generosa, meno pressante, una scuola che non chieda troppo impegno (necessario!) nel dopo lezione, questo alunno così coraggioso, sfidando la moltitudine di compagni atterriti dal carico extra, ha preso il microfono e ha detto: “Ringrazio la prof Giorgia Atzeni perché non ci assegna molti compiti a casa!

Oh-Oh! E adesso cosa faccio? Come mi giustifico?

Interrogati tutti gli alunni della mia classe, salta fuori che nonècheproprio-proprio io non ritenga necessari i compiti a casa, non ne assegno molti ma a dire il vero questo impegno é richiesto nella misura da me ritenuta più adeguata, forse in proporzione a quelli che assegnano i colleghi le mie richieste sono esigue. “Sì, cioè, pochi compiti, sette pagina di storia, altrettante di geografia, esercizi di grammatica, libri da leggere, testi da scrivere, e poi c’è il giornalino della Scuola, lo studio delle poesie a memoria, sì poesia a memoria…”

Da domani (e per un bel po’ di giorni) la scuola dove presto servizio resterà chiusa per le festività nazionali imminenti, cui si aggiungono alcune ricorrenze regionali (Sa die de sa Sardigna e la Sagra di Sant’Efisio, coincidente con la Festa nazionale dei lavoratori). Una bella pausa. Bella lunga. Saranno giorni utilissimi per riprendere fiato.

Gli insegnanti, senz’altro, ne hanno un gran bisogno per rigenerare lo spirito e affrontare con brio le incombenze di fine anno scolastico ma anche gli studenti necessitano di una pausa: dopo otto mesi di lavoro intenso meritiamo (sia loro sia noi) questo momento catartico. Dopo la trepida attesa, esaurito il conto alla rovescia, i ragazzini contano i minuti che li separano dalle vacanze, puntano l’atrio, prendono la rincorsa e via, FUORI a respirare “pieni polmoni” l’aria primaverile filtrata negli scorsi giorni flebilmente dalle finestre dell’aula semichiuse.

Oggi l’apertura dei cancelli. Oggi con incedere festanti, urleremo EVVIVA, varcando il cancello che divide il mondo di dentro dal mondo di fuori.

E11DDD56-90F6-436E-882D-FC75CB004225.jpeg

Dico urleremo, perché oggi studenti e docenti sono uniti. Tutti hanno bisogno di stare con la famiglia, all’aperto, a gironzolare per prati. Liberi. LIBERIIIII. Uniti, prof e allievi oggi navigano sulla stessa barca a vele spiegate. Il resto dell’anno, vivono gli stessi spazi, consumano la stessa aria, soffocano insieme, condividendo gli angusti spazi dell’aula. Loro, i ragazzini, non lo sanno, ma io gli leggo nel pensiero. Intravedo nei loro sguardi un’ansia vibrante. Leggo nei loro occhi, languidi e intensi, una richiesta d’aiuto. Sento un brusìo di supplica, un grido soffocato di implorazione. Una preghiera intensa!

PROF, non ci dia molti compiti.

1FE7B4F0-A99F-4C99-A8BA-90045C07DF3D.jpeg

Va bene!

SANTA subito!

Ed ecco i compiti per voi lettori, non sia mai si pensi sia davvero una prof/lassista.

Lascio di seguito i link ad alcuni resoconti dell’attività della prof con le spille registrati regolarmente sul blog degli editori Topipittori che gentilmente mi ospitano di tanto in tanto.

Sulle fiabe: C’era una volta, alle medie

Sulle uscite didattiche in libreria: Per diventare grandi, bisogna tornare piccoli

Sul giornale di classe: Dal giornale di classe al giornale di bordo

Sugli albi illustrati a scuola: Albi e adolescenti: un esperimento didattico

Sul libro antico con le figure: Il libro come “oggetto di visione”

Sull’importanza della circomotricità: Al circo per imparare

83B29586-FF0E-4719-A01B-AFB36E82C666.jpeg

Buone vacanze!

Annunci

Rimanendo seduto dove sei

Lo so, lo so. Non sgridatemi. Ho scritto qui sopra pure ieri ma oggi non posso resistere!

Sfogliando per l’ennesima volta il libro di Keri Smith “Come diventare un esploratore del mondo” MUSEO D’ARTE DI VITA TASCABILE” sono finita su questa pagina.

E79D353E-8CAC-46A2-8335-E8E643109B46

Ho aperto per l’ennesima volta il volume, ricchissimo di spunti, pensando a una possibile PROVA di Realtà (così le chiamano oggi) da somministrare agli alunni alla fine dell’anno. Ovvero prove in cui i bambini e ragazzi possano dimostrare le loro conoscenze, capacità e spirito critico da mettere in gioco anche nella vita reale e quotidiana.

Mi viene voglia di chiamarle Prove di realtà distopico/distonica.

Di fatto, molte delle verifiche cui sono sottoposti i nostri allievi si svolgono nella modalità: FERMI E ZITTI. Sì, durante qualsiasi “compito in classe” (chevelodicoaffffare?) di fatto si sta seduti (fermi? davvero difficile) e si sta in silenzio (complicato anche questo passaggio). La prima è una non-azione distonica motoria (disturbo del movimento, in senso non letterale) e la seconda è una non-azione distopica (in quanto non-esiste-proprio il silenzio assoluto).

A questo punto (e la faccio breve) la proposta esplorativa di Keri Smith mi sembra azzeccatissima per la nostra scuola italiana, quella in cui (salvo rarissimi casi di scuola senza zaino) gli alunni stazionano dalle 5 alle 7 ore nella stessa aula. In questa prova, sono certa,  i ragazzi saranno bravissimi. Ve lo assicuro. Sono davvero allenati. Ammaestrati. Scolarizzati (chi più chi meno!).

Prima prova di documentazione del passaggio del tempo stando seduti dove sempre si è seduti.

#1 Fermi sul posto fissare l’orologio in attesa che finisca la lezione.

In questo gli alunni sono al top. Quando l’aula è sprovvista di l’orologio da muro, va bene anche un orologio da polso. E resta sempre valida l’opzione: ”Prof che ore sono?” ripetuta all’infinito dalla ricreazione in poi, che spezza la realtà distopica: pur sempre di realismo si tratta! L’allievo descriva quali pensieri attraversino la sua mente rimanendo seduto dov’è.

6DF05C54-7723-444F-87C1-C0F30243ECF5

#2 Fermi sul posto, ascoltare una lezione di storia

Quotidianamente i nostri allievi documentano il passaggio del tempo, rimanendo seduti dove sono, ossia di fronte al docente di Storia.

Dalla scuola dell’infanzia, passando per la primaria, mutano le tappe e le scansioni di apprendimento, si parla di astrazione, ovvero della capacità di astrazione e decontestualizzazione che costituisce anch’essa una dimensione permanente e irrinunciabile dell’intero processo di apprendimento e dello sviluppo della mente: dal suo primo apparire fino al suo sempre più pieno dispiegarsi negli apprendimenti disciplinari più complessi”.

Impostata l’alfabetizzazione culturale (a partire dalla primaria), nella scuola secondaria viene richiesto ai ragazzini di memorizzare (pur senza poterli visualizzare) concetti chiave della storia relativa a fatti avvenuti in passato nell’area che più ci pertiene: l’Europa. Si passa di fatto, intorno agli undici anni, all’alfabetizzazione disciplinare. Per ogni disciplina, si sta frontalmente ad ascoltare un docente diverso per ogni disciplina. Nel caso della Storia, spesso è lo stesso insegnante di Lettere a impartire la materia.

Astrarre significa, da una parte, estrarre le proprietà comuni di determinati oggetti, mettendoli in relazione. E così si fa con la storia, ragionando per CAUSE ed EFFETTO a partire da fatti e personaggi che hanno cambiato il corso della storia.

Il punto è che per poter astrarre l’alunno deve avere un potere immaginativo notevole da espletare nell’unica posizione possibile, fermo sul posto. Certo con l’immaginazione si può VOLARE, chi lo nega?

Il paradosso cognitivo è proprio questo. Imparare la storia stando fermi a sfogliare un libro altrettanto FERMO sul banco secondo me è praticamente impossibile. Quanto meno i ragazzi hanno bisogno di vedere delle immagini in movimento ed ecco perchè i documentari sono utilissimi. Gli alunni non capiscono subito che si tratta del passato rivisitato da attori. Il cinema storiografico per loro è realtà distopica assoluta!

1A0369E8-1BD7-4476-9BB3-CF07CB3678EE.jpeg

#3 Fermi sul posto, capire una lezione di geografia

Se la geografia è la Scienza che ha per oggetto lo studio, la descrizione e la distribuzione dei vari fenomeni della Terra nella configurazione della sua superficie è proprio vero che questa superficie viene da noi occupata a scuola solo in un presente fatto di fissità, di stallo.

La statica è condizione esistenziale di ogni alunno che si rispetti. E si torna al nozionismo, alla noiosissima lezione in cui ogni ragazzino, posto di fronte a una mappa fermissima, cerca di memorizzare nomi, su nomi, su nomi. Eh sì, perchè le verifiche sono fatte di domande che necessitano di risposte certe. Poco importa se non siamo mai Mai stati in visita alla cattedrale cittadina, a Nùoro, al Museo Archeologico, al Parco naturalistico, al Louvre, a New York, a Nuova Delhi, a Tokyo; che importa se non siamo mai stati in Nicaragua, sull’Oceano Pacifico a vedere da vicino l’Isola di Plastica.

L’importante é SAPERE, enumerare, collocare senza mai aver visto, annusato, fotografato dal vivo.

9B8C4CDB-7C51-4A91-BE2B-3A2D02E10F79

A questo punto, direi che se non cambiamo punto di vista e non alteriamo il loro stato, la prova di realtà nella vita vera sarà per loro davvero difficile.

0342041E-ED37-4551-897C-60FC56086142.jpeg

Non stupiamoci, dunque, se nel corso dello stallo più assoluto in fronte a meeeee, i nostri adorabili alunni iniziano a tirare fuori Cubi di Rubik, Fidget Spinner, a maneggiare bottigliette di plastica, arrotolare pezzettini di carta, creare origami, spezzettare gomme da cancellare, spremere le cannucce d’inchiostro delle penne biro, manipolare pasta furba. Questo é il loro modo di comunicarci che siamo davvero noiosi.

Rispettiamo l’ambiente! (Non è solo una questione climatica)

Finalmente anche a scuola si parla seriamente di cambiamenti climatici, tematica di attualità stringente. Chi può resistere a Greta Thunberg e al suo messaggio? Basta una scintilla e la lampadina si accende: gli studenti scioperano ma lo fanno (per la prima volta) pensando al clima.

8E3AFDB3-9B7B-4F1E-8CF3-F07F7A89E7FD.jpeg

Da diversi mesi Greta ogni venerdì salta la scuola. Si siede per terra davanti al Parlamento di Stoccolma. Sta lì. Ferma e zitta con il suo cartello. Lancia un messaggio.

È un esempio da seguire, una voce da ascoltare.

1F630518-4913-40AD-ABFF-439993B3F6E6

Non fatemi domande. Non chiedetemi come mai la mobilitazione si sia allargata a macchia d’olio: il messaggio dei Fridays for future è giunto pure sulla penisola e venerdì 15 marzo scorso i giovani italiani delle scuole di ogni ordine e grado sono scesi in piazza per manifestare e far sentire la propria voce. La sedicenne svedese ha ispirato questo movimento studentesco per chiedere ai governi politiche più serie principalmente contro il riscaldamento globale e in tanti hanno risposto in tutto il mondo.

Ciò che voglio commentare oggi non è la storia di GRETA. Un mio commento è superfluo. La stampa e il web sono pieni di notizie dettagliate pronte a chiarire questa vicenda tanto progressista e coinvolgente. Basta cercare su Google; online ci sono articoli di detrattori e fans, fake news sul conto della ragazzina con le trecce e aggiornamenti sulla candidatura di Greta al Nobel per la Pace. C’è chi la adora, chi la difende, chi la detesta e la attacca su tutti i fronti. In realtà Greta per me è stata un pretesto bello e buono per parlare agli studenti di ambiente a tuttotondo. Di emergenze ambientali, certo un modo per ritornare sui biomi (oh, insegno geografia, lo sapete sì o no??) per osservare lo spazio circostante, discutere del contesto circostante, un motivo concreto per parlare di ecologia e sensibilizzare i bimbisperanzadelfuturo, ma anche per discutere delle interazioni tra la società umana e l’ambiente naturale. Infine, per trattare delle relazioni tra umani e… umani!

Ovvero per parlare di rispetto tout court.

68ad80

I miei alunni di prima/seconda/terza hanno accolto e compreso la storia della giovane svedese ascoltando i fatti con entusiasmo pur non aderendo alla giornata di sciopero perchè i genitori “nonèopportuno”, “sei troppo piccolo”, “acosavuoicheserva”, “vatteneascuola”, “haitroppigrilliperlatesta”, “ilmondononsicambiaconunosciopero”. In realtà alcuni fino a pochissimi giorni fa non avevano idea di chi fosse Greta. Anche a Cagliari la manifestazione ha avuto un buon successo: hanno partecipato persino alcune classi cittadine di scuola materna accompagnate dalle loro super maestre. I piccoli elfi della Scuola Satta erano, come si vede nella foto, in prima linea al grido di “La nostra casa è in fiamme, voi che fate?”

7F6A6DDA-F969-443E-903D-235CD17D92E6
I giovani manifestanti in Piazza Garibaldi a Cagliari. Foto courtesy: maestra Cicci della Calce.

Io ho fatto pochissimo, ovvero ciò che è in mio potere fare dall’interno: informare per resistere!

Anzitutto ho portato in classe il secondo numero di Internazionale Kids dove è comparso un trafiletto dedicato alla giovane attivista a margine di un articolo più dettagliato (interessantissimo) intitolato ZERO PLASTICA. Una vera e propria sfida fra due amici tedeschi di dieci e dodici anni decisi a fare la spesa al supermercato e tornare a casa senza plastica. La cosa si è rivelata per loro più complicata del previsto: frutta e verdura, salumi e formaggi, biscotti e caramelle sono tutti avvolti da una pellicola. Leggo a voce alta l’intero articolo: i miei alunni di prima sono rapiti.

Non ci avevo pensato prof, la maggior parte dei cibi è circondata da involucri di plastica

4EBD6D7A-28E9-46A7-9B90-3AF4AF32693D.png

I ragazzi finalmente aprono gli occhi: la Terra è la nostra casa. Quale trattamento le stiamo riservando?

Per infierire, mostro loro alcune immagini (per me spaventose) utilizzando la LIM e la connessione disponibile in classe. Ecco qui, davanti ai loro occhi per la prima volta il Pacific Trash Vortex, noto anche come grande chiazza di immondizia del Pacifico o semplicemente isola di plastica, grande grosso modo come la Francia, ovvero un enorme accumulo di spazzatura galleggiante situato nell’Oceano Pacifico.

F3456362-0D1D-4A2C-87E8-2CF9D7D6DCAA

3DC2EA87-70D2-44F8-826B-AF07980A9D27

La realtà dei fatti è che questi giovani alunni non hanno idea di quanto sia grande il Pianeta Terra; questi ragazzi a malapena sanno cosa ci sia fuori dalla porta della loro cameretta, poco fuori l’uscio del loro appartamento. Probabilmente uno zerbino vecchio e sporco. I miei alunni (e forse anche i vostri) escono, certo. Escono per venire a scuola; conoscono la traiettoria casa-scuola, percorsa il più delle volte in automobile (salvo non abitino nel quartiere, dietro l’istituto). Presumibilmente conoscono la traiettoria casa-palestra o casa-catechismo. Ma se cambi di poco il loro schema quotidiano, se modifichi la loro routine cosa succede?

Succede che rimangono disorientati. Soffrono una sorta di agorafobia loro malgrado. Ragazzini che sono tenuti prigionieri dentro piccoli spazi angusti. Camerette, aulette. Chiusi dentro una bolla di sapone, immersi in un video games; sognano Gardaland o Disneyland ma non sanno niente di ciò che accade realmente tutto intorno. E non per colpa loro. Perchè quando abbiamo iniziato a parlare di ambiente in senso ecologico, quando li ho portati sul Pacifico, seppure virtualmente, forse hanno creduto di vedere un film o un docufiction, son caduti dalle nuvole e hanno aperto gli occhi. Il loro sguardo si è allargato. Improvvisamente.

Chi dice che i ragazzini siano indifferenti sbaglia! Il punto è che i preadolescenti non sanno niente di ciò che accade al di là del loro naso. Quando hanno capito che di là, fuori, oltre la Sardegna, l’Italia, l’Europa, l’Atlantico, sul Pacifico c’è qualcosa di così tanto incredibile e terribile hanno urlato:

Ma prof così ci fa venire l’ansia! Io non ho mai visto tanta plastica in vita mia”.

Belli miei, vi deve proprio venire l’ansia: qui finisce davvero male! Dove pensate finiscano tutti i rifiuti che stiamo producendo?

Per poter chiarire meglio ho ridimensionato la questione, ponendo la loro attenzione sul dettaglio, riportando gli sconfinati-confini alla loro portata, misurando meglio le distanze. Uscendo dal video, saltando dal Pacifico di nuovo in aula, ho fatto notare che il loro mondo, seppure ristretto, è un ambiente. Per rispettarlo bisogna conoscerlo con tutte le imperfezioni generate dall’uomo.

Per spostarci sul concreto, ho proposto dunque alcune delle semplici quanto geniali esplorazioni di Keri Smith.

D94B30CF-1C30-4504-A4A6-BFF4AED5514C.jpeg

26863501-7715-4B7F-93AF-08FDC41BE4E0

Hanno scoperto che la spazzatura può essere persino interessante, vista da vicino. Purché non venga ingoiata da tutti i pesci che vivono in mare.

 

CC6A5D69-9A0C-4FE1-A438-79E7F2B76E26.jpeg

A teatro con la prof. Pillole di cultura per stringere legami, ascoltare e crescere

Così come ho già detto per la passione letteraria (da stimolare e infondere nei ragazzini con tutti i mezzi disponibili, dentro e fuori la scuola) anche per attivare l’impulso naturale verso tutti gli altri generi culturali comparabili e disponibili sul nostro pianeta, bisogna lavorare sodo, utilizzando sia i mezzi elettronici disponibili nelle aule sia approfittando continuamente delle proposte musicali nostri teatri sempre aperti alle scolaresche. Visione e ascolto sono fondamentali per riabilitare i nostri giovani allievi spesso affetti da analfabetismo sentimentale e comunicativo.

Quindi la lezione fuori dall’aula é indispensabile per arricchire l’offerta formativa di qualsiasi istituto scolastico.

L’arte, la musica, la letteratura sono vitamine per l’anima, senza la loro regolare assunzione la nostra mente perde le normali funzioni attivanti le connessioni cerebrali: la cultura esercita un’attività antiossidante per i neuroni.

Ginnastica per lo spirito (cita il bugiardino) le pillole di cultura somministrate negli spazi destinati alla sua divulgazione con la visita ai teatri, musei e biblioteche, sono consigliate a tutti i bambini. L’assunzione regolare guida positivamente le reazioni chimiche delle cellule, assicura le funzioni vitali di cuore e cervello. Mentre le pillole letterarie partecipano alla produzione di energia, completano l’azione protettiva antiossidante nei confronti dei cervelli liberi e garantiscono la normale espressione del patrimonio creativo, quelle musicali partecipano all’eliminazione di scorie di nervosismo e sostanze tossiche presenti nei nostri pensieri, migliorano i meccanismi difensivi del sistema neuro-vegetativo e immunizzano contro ogni genere di ignoranza fisiologica o ereditaria. Le pillole di cultura, se assunte regolarmente, partecipano alla trasformazione dell’aggressività in gentilezza e contribuiscono alla produzione dei neuromediatori atti a sconfiggere violenza, anaffettismo e analfabetismo.

CEBF532A-A8B9-44E1-A4B5-AB9FB1D74F63

Per noi adulti preposti, attivi nei percorsi educativi (parlo di tutti gli stadi formativi), la letteratura, la musica, l’arte, il teatro sono una costante, la norma, punti ostinatamente fermi, moti perpetui. Per noi prof di materie letterarie, teatro, musei e biblioteche sono il pane quotidiano. Non é così scontato per i nostri giovani discenti (ahimè costa sempre tanto constatarlo ogni anno di più). I piccoli uditori presenti nelle nostre classi hanno davvero bisogno di cambiare aria. Allora apriamo non solo le finestre ma anche le porte delle nostre scuole e usciamo, perché cambiare aria cura più dell’antipiretico.

 

Talvolta, diciamolo pure, gli studenti hanno anche bisogno di quella che io chiamerei sospensione della parola. Parole, parole, parole: ma quanto parliamo quando siamo seduti in cattedra!

Dunque usciamo, usciamo, usciamo.

Una volta ho raccontato in cosa consista il Bon ton del perfetto ascoltatore.

Oggi saranno i miei allievi a stupirvi.

Si sentono molto soddisfatti con la lezione alternativa mentre fortuna e serietà possono andare a braccetto…

0F478A6F-1673-4967-B3D2-F9ACE42A56BB

0327B935-708B-4427-932B-62D90671662B

… perché la visione di uno spettacolo insegna a ragionare…

2E5571F9-197E-4DE3-A0D0-967AB1541A43

… si capisce quanta fatica ci sia dietro le quinte…

F62E9328-09E3-43BF-A442-8449B95F7720

… si impara ad apprezzare tutti i generi musicali.

83A31EDE-2FCA-4409-BF17-07BB0007416C

Chi non c’é mai stato, prova nuove sensazioni…

7C6AAC04-F2E0-4748-81EF-857CACC368F0

…mentre i più fortunati ambiscono al ruolo che è già mio!

B6DD74E9-FB99-47FA-9E53-A9E447877D1D

F0B2A7CE-A1C9-493F-A613-653899FB076B

Esigiamo maggiore contatto tra cattedra e banchi

e2546da1-446c-45f2-9691-64d9d2565454

Una volta mi sono divertita a scrivere di un “accessorio” piuttosto ingombrante nella vita scolastica: la cattedra. In ogni classe mi risulta ve ne sia una a partire dalla scuola dell’infanzia. Nei tre anni di materna le maestre tendono a non sostare in maniera esclusiva su quella postazione. Se nella vita avete avuto il privilegio di accompagnare vostro/a figlio/a di soli tre anni alla scuola dell’infanzia avrete sentito una stretta al cuore lasciando i vostri eredi per la prima volta in quell’aula: una stanza colorata, tanti piccoli banchi, tanti giochi sparsi per terra. I vostri piccini entrano in società, in contatto con  le prime vere difficoltà relazionali sia coi coetanei sia con gli adulti preposti alla loro educazione sensoriale, motoria, psicomotoria e musicale.

Il legame è necessariamente forte, la relazione coi nuovi amici e con le maestre ha bisogno di contatti continui. In questo contesto il grande tavolo (verde o rosso) è piuttosto un piano d’appoggio per scartoffie varie, elaborati appena avviati, materiali di cancelleria. I piccini hanno bisogno di un contatto stretto con le insegnanti, di una coccola, di un aiuto, di un gesto di incoraggiamento, un buffetto, un bacino, un abbraccio. Di solito le insegnanti vagano libere per l’aula, girovagano fra i mini banchi, sorvegliando i pargoletti, trasmettendo messaggi orali, rassettando qui e là come Biancaneve nella casa dei sette nani. Riserverei alla scuola dell’infanzia (salvo quei casi di cronaca tremendamente assurdi di maltrattamenti in quell’ambito su cui stendiamo un velo pietoso) il momento dell’accoglienza nel variopinto universo riservato agli apprendimenti di base. Alla materna l’abbraccio è un gesto che fa sentire protetti, confortati e capiti. Un gesto che significa “Sono qui per te! Vicino a te. Se hai bisogno sono qui!” Noi mamme desideriamo fortemente che i bimbi siano accuditi in questo modo, un po’ come se fossero in famiglia, ecco.

3a8acf83-9bf9-4fc8-a19b-c9d22cc1ac59

Persino in questa delicatissima fase il solo con-tatto corporeo non è sufficiente. Serve accortezza, delicatezza nell’agire, capacità di comportarsi con discrezione e gentilezza. Lavorare coi piccoli è una vera grande responsabilità. Io per prima ho fatto esperienza in quest’ambito quando per mantenermi agli studi  negli anni universitari ho insegnato musica, attività psicomotorie e ludico creative nella scuola dell’infanzia. Stare coi piccoli è una faticosissima danza, un tira e molla continuo. Ogni piccolo gesto nella quotidianità risolve o stravolge. Ogni filo teso crea una rete di sguardi e sinapsi, ogni piccolo nodo è soluzione ai problemi, unione fra le parti, intreccio di sentimenti, feeling emotivo, girotondo variopinto: tutti giù per terra con le mani unite. Prima tristi, poi felici, insieme.

71bfa9.png

Insomma, i cinque sensi sono importantissimi tra le mura scolastiche. Ci vuole tatto per istruire, orecchio per ascoltare, voce per trasmettere e consolare, fiuto per i talenti e tanto gusto nella scelta dei contenuti educativi.

Chiaramente tutto questo impegno, tutto questo tatto, tutto questo contatto (purtroppo) tende a svanire man mano che si cresce e dalla materna si passa prima alle elementari e poi alla scuola media inferiore e superiore. Le distanze tra banchi e cattedra si allargano, le posizioni ferme iniziano a dividere, arrivano i fraintendimenti. L’anaffettismo prende il sopravvento e i rappresentanti dell’istituzione scolastica, sovente, da amici diventano nemici.

6a1a5470-b45b-4306-84c8-3508208a4606

Alla primaria le maestre continuano ad avere un certo peso affettivo. Cinque anni insieme, quando tutto va bene, sono tanti. La docente conosce i suoi alunni come se fossero i suoi figli, talvolta anche meglio delle famiglie di origine, contribuendo alla socializzazione e concretamente alla prima alfabetizzazione culturale. Quando sono molto motivati i maestri delle elementari educano con tenerezza tenendo per mano i bambini passo dopo passo. Il tuo, caro insegnante, é un compito delicatissimo perché non devi occuparti solo della sicurezza di ogni bimbo, ma anche della sua crescita intellettuale, alimentare la curiosità di ognuno, valorizzare le peculiarità del singolo in modo che l’autostima cresca. Quando i maestri sono equi, gentili, preparati i cinque anni volano. E adesso che si fa???

Il passaggio dalla materna alla primaria, talvolta, è un vero trauma. Ma il peggio deve ancora venire e arriva proprio quando il salto é carpiato verso la secondaria di primo grado.

789ef096-85f1-41fb-96f9-fb4360f2b531

“Gli insegnanti non ci capiscono!”

Dove é finito il tatto? Almeno il contatto sonoro e visivo potevate lasciarcelo. I docenti si moltiplicano e ognuno ha il suo piglio. Chi “profsonstrega!”, chi “tunonsaichisonoio”, chi “ionocelafaccio”, chi “quandoarrivalapensione”, chi “bastaaaa!”.

Da una parte i ragazzini vivono una sorta di schizofrenia. Dare del “lei” a chi fino a ieri ti accoglieva con un abbraccio é piuttosto faticoso; dall’altra si tende a demolire il passato più prossimo perché ora basta, é ora di crescere, di prendersi i propri impegni, di rendersi davvero autonomi, di mettersi sul fatto compiuto, di “capirecosasignifichidavverostudiare”! Così, talvolta, chi siede rigorosamente in cattedra con o senza predella, chiede il rispetto con tutte le sue forze, quasi la corrispondenza fra questa parola e la sua messa in opera fosse ormai impossibile, quando non é scontato o spontaneo il rispetto viene preteso a suon di note, urla e minacce. L’autoritá é subito ristabilita ma il contatto é bello che svanito. La scuola perde tutto il suo appeal insieme agli indispensabili contenuti.

La persona segna il destino della materia e non viceversa.

Se ritenete che questo sia il mestiere giusto per voi, imparate prima la calma e la gentilezza, trasmettetela ai vostri alunni, sopra, sotto o a fianco della cattedra con molta sensibilità e tatto.

Leggere entusiasma anche (e soprattutto) nella scuola Media inferiore

Qualcuno osa ancora dire che gli alunni ospiti delle nostre scuole medie inferiori, quei ragazzini dagli undici ai tredici anni così capricciosi, scontrosi, disinteressati, infantili, apatici, talvolta sciocchidafarticaderelebraccia, superficiali, non leggano!

5536df16-4feb-4d46-a14c-3020a47916b7

Sarò forse una prof di lettere fortunata, voce bianca fuori dal grande coro di urla stonate ma mi capita sempre più di incrociare bambini tutt’altro che disinteressati o poco avvezzi alla lettura. Non trovo sia scontata la mia affermazione, anzi ogni volta mi stupisco, sia chiaro! Perché quando fra gli addetti ai lavori si sparge una certa diceria è più difficile dimostrare la propria versione dei fatti. Non c’è niente di più fastidioso dei cliché sulla scuola. Quei luoghi comuni che, talvolta, sono così convincenti da farti credere che l’utenza scolastica comprenda solo nullafacenti dall’intelletto bacato, figli di inetti, genitori-fantasma ormai incapaci di svolgere il proprio compito educativo. Ma cosa possiamo aspettarci dai nostri allievi e dalle loro famiglie di questi tempi? Sono tutti sui social, i cosiddetti adultescenti e le loro piccole fotocopie passano più tempo sullo smartphone che su quelle pagine profumate di inchiostro che tanto piacciono a noi bibliofili.

9554699D-52C2-44AC-AE9B-AF705D7923E7.jpeg

Evidentemente sono una prof proprio fortunata.

La maggioranza dei miei alunni legge e legge tanto. Cioè non lo scrivo per prendermi alcun merito, leggevano ancora prima di incontrarmi! Leggono persino fra una pausa e l’altra delle mie lezioni e se la pausa non si crea, leggono pure di nascosto, sotto il banco che potrebbe persino venirti voglia di mettergli una nota sul diario tanto sono insolenti. Quanto sono sfacciati, cavolo! Proprio impertinenti.

4F859601-938F-4E33-8106-1FF4EE06C722.jpeg

Eppure impertinenti non sono affatto. Perchè questi furbetti leggono proprio quando è l’ora della letteratura. Cosa dovrebbero fare nell’ora di lettere se non leggere.                               E allora li perdoni, anzi li premi!

e631e7fd-da35-4f4a-ae4b-4b89ebd1e216

”Ragazzi, ecco una bella lista per le vacanze di Natale.”

087CEFCF-A6E3-46B7-BC29-1EA33A781C28.jpeg

Chiaramente nella mischia ci sono pure quelli che fanno fatica ad aprire un volume. Non tutte le ciambelle escono con il buco, qualcuno non ce la fa proprio a tenere gli occhi su un libro aperto. Per non scontentare nessuno nella lista inserisco titoli di vario genere, avventura, classici, horror, fantasy, giallo.

Proseguo. “Poi venerdì prossimo andiamo in libreria. Ci facciamo una bella passeggiata all’aria aperta e raggiungiamo un posto magico che si trova qui a Cagliari. Per chi non la conosce si tratta della libreria per ragazzi Tuttestorie.”

Tutti mi guardano incuriositi. Alcuni ci sono già stati, altri sono alla primissima esperienza.

3A0F28DD-91D1-4315-9252-1D202E0A69FB.jpeg

 

La mattinata in libreria vola che è una meraviglia.

36E04444-7A92-475E-994B-76B21DFDC12C.jpeg

Prima delle vacanze un genitore durante un colloquio mi dice:
“Come ha fatto a convincere mia figlia a leggere??”
“Io non ho fatto niente! Ho consegnato una lunga lista ai ragazzi, indicando genere e titolo! Poi li ho portati in libreria a parlare con Claudia Urgu, esperta di letteratura per ragazzi, dove hanno potuto scegliere il loro volume autonomamente!”
“Ha passato molto tempo nel fine settimana con “Coraline” di Neil Gaiman; finalmente ha mollato il cellulare! Però alle otto di sera termina la lettura…”
“Sua figlia è attratta dall’horror, lo sapeva? E anche gli altri alunni della classe. Tutti vogliono leggere “Stanza 13”. Stentavano a credere che avessi inserito il genere nella lista.”

Sarà pure il fascino del proibito ma se funziona, viva i divieti!

51BEDA1E-BDC0-4D86-98F8-BB81BB37A0AC.jpeg

Senza dialogo la classe non può essere un laboratorio d’ascolto

Vestire l’abito austero e autorevole della prof consente all’altra me stessa (spirito creativo) di avere un punto di osservazione del mondo decisamente privilegiato. Rispetto a chi sta relegato fuori dalla quotidianità scolastica ritengo (checchè se ne dica) di avere i miei benefici: continuo a studiare, ad approfondire, a “fare ricerca”, a documentarmi, a raccogliere informazioni, a catalogare, a notare e annotare le differenze, a immaginare soluzioni raccogliendo esperienze irripetibili. Come dice Keri Smith, quando varco la soglia dell’aula assumo quotidianamente “pillole stimolatrici di esperienza casuali”. In barba ai più, ritengo che chi riveste il ruolo di docente non abbia affatto chiuso il cerchio della sua formazione. Ovvero chi sa, sa! e per chi sa, insegnare è una passeggiata!

Mi metto lì, davanti al mio pubblico, e recito la parte. Tanto ho studiato!

Entro in aula, chiedo il silenzio, “che ottengo senza resistenze”; chiedo l’attenzione, che “ottengo sempre senza alcuna resistenza”; procedo spedita sfogliando le pagine del manuale o dell’antologia e, sempre “senza alcuna resistenza” interrogo e metto un voto.

NO! Non funziona così! Questa è fantascienza, ve lo assicuro.

Tu che non sei mai più entrato in aula, non hai idea di cosa ci si debba inventare per ottenere il silenzio, avere i primi risultati positivi ma soprattutto conquistare la fiducia degli studenti.

3BBF1CF3-4A26-49C1-918D-68043BD3FDD0.jpeg

Bene o male, tutti hanno avuto o continuano ad avere legami con la scuola. La maggior parte degli adulti, però, non ha più avuto accesso agli ambienti di studio condivisi come le aule degli istituti. Si tratta per la gran massa di  rapporti “a distanza”: il ricordo ovattato della voce dei maestri, le risate tra compagni, il profumo dei quaderni, le note, i voti, le verifiche. Tutti siamo stati, nostro malgrado, volenti o nolenti, presenti! Se nel frattempo da studenti siamo diventati genitori, siamo di nuovo lì, davanti a quel cancello, a piangere il distacco dai figli, sin dal primo giorno della materna. L’aula, lasciatemelo dire, è un finestra sul mondo. Per chi rimane fuori è un luogo inaccessibile. Per me, che sono l’incaricata, significa entrare in contatto con menti fresche, che io chiamo spugne assorbenti e vi giuro che, se accetti la missione, può essere davvero divertente e interessante ma anche molto molto faticoso se ti aspetti di trovare un uditorio allineato, scolarizzato.

Chi sta fuori dalle aule da molto molto tempo, o segue a distanza (se genitore), inizia a non capire più cosa stia succedendo realmente ai nuovi cervelli della società odierna, quindi giudica “la scuola” senza sapere.

“Ma dove andremo a finire?! Questi giovani d’oggi, non sanno più esprimersi, sono indisciplinati, ascoltano musica inascoltabile! Son dei buoni a nulla!”

Ma se consideriamo la materia umana come entità viva (quale è), l’unico modo per comunicare con essa è instaurare un dialogo personale. Parlargli.

 

6DF05C54-7723-444F-87C1-C0F30243ECF5.jpeg

Se poteste guardare anche voi cosa succede dentro le aule, che so, dal buco della serratura, potreste studiare e cercare di comprendere come me, da vicino, le nuove generazioni. Questo non è solo un grande privilegio ma anche un grande laboratorio di osservazione. Ogni giorno mappo le persone, studiando la posizione di certuni in relazione agli altri e a me stessa, registro esperienze con la curiosità per il dettaglio, l’osservazione attenta del singolo soggetto e dell’insieme come unità.

La classe è una fonte inesauribile di contenuti umani, un vero piccolo mondo di soluzioni alternative all’ascolto. Ingegneria della distrazione. Il banco (o il sotto banco) è una vera fucina creativa. Se come me foste insegnanti avreste il privilegio di scorgere poco sotto il tavolo tante manine che impastano senza sosta panetti di gomma pane (spesso suddivisi in tanti piccoli pezzi, uno per ogni vicino di banco) o di slime (accuratamente confezionati la sera prima al posto dello svolgimento degli esercizi di grammatica). L’astuccio è il fulcro di tutto. Dal suo interno vien fuori ogni ben di Dio. Se non contiene pezzettini di carta, ottenuti con minuscole fustellatrici, è senz’altro stracarico di striscioline ottenute dallo strappo di copertine di quaderni o diari, distrutti in pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico. Non è chiaro se la distruzione avvenga in segno di protesta per i troppi compiti o perchè ogni giorno che passa vada estirpato per convenzione: anche oggi è andata! I più creativi, riescono a trasformare l’intero diario in origami. Nelle loro bocche c’è di tutto: ormai non si masticano più chewing-gum, ma interi tappi di penne, cannucce residue, o interi serbatoi di inchiostro Biro, scoppiati non si sa come e perché. Ne scoppia almeno uno alla settimana. MISTERI! Le forbici diventano lame affilate con cui affettare ai minimi termini la gomma: i pezzetti potrebbero essere velocissime pallottole in caso di sparatoria con catapulte realizzate lì per lì.

“Posso andare in bagno?”

Proibire tutto questo lavorìo, questa produzione del banco-creativo, non funziona. Bisogna canalizzare queste energie, escogitare un modo per avere la loro attenzione senza perdere mai la pazienza, senza proibire ma, soprattutto, mantenendo la calma. Alla scuola Media è utilissimo, quando l’attenzione scema, dedicare qualche minuto a tematiche care ai ragazzi: parlare di cinema, manga o anime è tempo recuperato quando devi introdurre i regni romano-barbarici. Ogni volta che dedichiamo cinque minuti del nostro preziosissimo tempo per dire quale genere di musica ci piaccia, recuperiamo spazio di ascolto. Se stiamo per fare l’analisi grammaticale di un testo, basta discutere di argomenti cari ai giovani, utilizzando parte delle nostre ore curriculari per capire come il disagio incida sulle loro scelte. Se io ascolto TRAP, loro ascoltano più volentieri i Queen, De Andrè, Dante Alighieri, Ariosto, Beatles, Mozart. È uno scambio.

4BE98063-2E5B-4DD2-A640-1406FFEBF4A0.jpeg

Chiaramente per riuscire nel progetto di risoluzione dei problemi contingenti di attenzione, bisogna guardare le cose da tante angolazioni differenti. Allontanare la noia della quotidianità, trasformare gli errori in  valori. Cambiare la routine. Per fare ciò io di solito indosso “i magici occhialini della percezione potenziata”, per notare quei dettagli della vita quotidiana mai visti prima e rielaborarli cercando di percorrere strade nuove. Garantisco che chiamando in aiuto l’immaginazione si possono ottenere validissimi risultati. Oltre il nozionismo e le conoscenze rinchiuse nelle materie di studio c’è la possibilità di lavorare sul campo come un esploratore. Quindi mi documento, mi aggiorno, studio.

In questo momento storico, sono prof e mamma di una bimba che frequenta la primaria. Mai avrei pensato di potermi interessare di psicologia, di strategie didattiche quando mi sono iscritta alla facoltà di Lettere,  da cui sono uscita con una laurea nel giugno di quasi vent’anni fa senza avere idea di cosa significasse trasmettere i saperi.

Vi giuro che questo è il mestiere più difficile del mondo! Veni, vidi, vicit!

L’ultimo della classe

Oggi ho portato a scuola L’ultimo della classe albo del 2008. Il ritratto toccante del bimbo solo e arrabbiato con il mondo, uscito dalla penna di Alfredo Stoppa e delineato, in grande stile, dalla matita dell’amica Pia Valentinis, mi ha permesso di aggiungere un tassello al discorso su Scuola ieri, scuola oggi (evoluzione o involuzione) avviato diversi giorni fa con gli alunni della mia nuova classe prima.

67885739-C8A0-435C-A9FA-F2F29BC5697D.jpeg

I miei piccoli studenti non sono affatto consapevoli di attraversare un sentiero a me molto caro. Non sono consci del fatto che con me saranno costretti a rielaborare alcune loro precedenti esperienze dirette, pilotati secondo il chiaro disegno di una perfida regista. Io ho un progetto molto definito e loro mi aiutano a esaudire uno dei miei 101 desideri: esplorare l’immaginario della vita fra i banchi, trasporre con le parole l’esperienza dei bambini all’interno dell’istituzione scolastica oggi, con uno sguardo al passato prossimo e remoto. Dirigo e loro recitano inconsapevolmente una parte. Rivedono loro stessi e si raccontano. Io dal podio e loro sul banchetto muovo i fili e loro rispondono che è una bellezza. Interpretazioni riuscitissime!

Spontaneamente, giuro, raccontano episodi e aneddoti della loro precedente esperienza scolastica con un occhio disincantato e contemporaneamente si aprono, acquistano fiducia nell’insegnante e iniziano a rasserenarsi. La mia è solo una strategia per cambiare la loro percezione di un contesto che tendenzialmente viene detestato. Non dicono apertamente ODIO LA SCUOLA, ma se imparano ad amare le attività che si svolgono dentro queste quattro mura, proseguiranno il loro percorso con maggiore entusiasmo e (forse) ameranno anche lo studio. Questo il mio vero unico obiettivo: portarli naturalmente alla curiosità verso le cose del mondo, perché questo in fondo è lo scopo dell’insegnante. La molla che fa scattare la passione per la conoscenza non può nascere spontaneamente, va stimolata. In tutti i modi.

Prima di leggere questo volume, come di consueto in prima, ho anzitutto estratto dalla borsa un film, I 400 colpi di Truffaut. Nel corso della proiezione l’immedesimazione è quasi scontata: Antoine Doinel suscita nei giovanissimi un misto di curiosità (ma prof Antoine fuma?), pietà (Prof, la mamma non è mai gentile con lui…), specularità (Prof, questo è successo pure a me… forse anche io sono un po’ Antoine Doinel) e disagio (In carcere, prof ma è terribile!).

Scrive un’alunna:

6DDBE77F-9C3D-423D-AA2B-13230CD3D17E.jpeg

Così quando il ragazzo corre, corre, corre, scappa e incontra il mare con lo sguardo anche i piccoli spettatori si sentono finalmente liberi, pur non comprendendo un finale sorprendente che non risolve, anzi, apre nuovi scenari anticipando un sequel.

77E4A3A5-2337-4851-853B-EC3131876FED

Quando oggi ho letto loro L’ultimo della classe, il nuovo protagonista letterario ha richiamato nelle loro menti il problematico Doinel. Antoine non conosce i videogiochi, perché è di un’epoca a loro troppo distante. Il videogioco è un pericoloso rifugio per il nostro ragazzo così come per loro. Vive le medesime esperienze: genitori assenti, emarginazione, incomprensioni, selettività nei rapporti coi pari, desiderio di fuga.

3A9C883D-4E15-42A6-AE62-9C369ACFF05C.jpeg

Ho chiesto, dunque, se qualcuno si fosse mai sentito o abbia mai pensato di essere l’ultimo della classe o avesse sentito parlare di ultimi in classe. Roba assurda che fa pensare a una gara automobilistica.

8871E3EA-7B27-49D5-A96D-28896A92305E.jpeg

Qualcuno mi ha detto di sì. Che fino alla quarta elementare si sentiva l’ultimo, non era bravo e poi lo è diventato, grazie a delle esperte esterne alla scuola che l’hanno aiutato a ritrovare la fiducia in sè stesso: in quinta, finalmente, non era più ultimo.

E ora come va?

Benissimo prof!

Un compagno replica: Mai sottovalutarsi!

Son saltate fuori storie stranissime, di insegnanti severissimi. Ci può stare, la severità (io direi meglio l’autorevolezza), aiuta a organizzare il disordine.

Ma quando ho sentito una bambina dire che una delle regole della sua precedente esperienza scolastica è stata “QUI NON SI RIDE NE’ SI SORRIDE” mi è venuto un groppo in gola.

Sapete cosa vi dico, qui si ride. Si ride “con”, mai “di”. E si sorride. Perché per diventare primi bisogna essere allegri, sereni. Mai sciocchi nè ottusi. Si ride per ridere, per essere seri però.

Grazie prof.

629CAF22-8702-4A32-A4E6-D7790A97C4C7

Le mani sono il nostro cervello

In questo momento del mio praticantato da prof di Lettere vivo una esperienza molto bella, sorprendente. Accolgo gli alunni di prima media mentre mia figlia frequenta la prima elementare.

2A7A6D48-11AC-4E21-9E4E-777DABBA2183

Il mio è un’osservatorio privilegiato. Vedo gli uni e l’altra: presto attenzione, ascolto gli umori e le difficoltà nella letto-scrittura degli undicenni e guardo ciò che fa la mia piccola, il suo esercizio quotidiano, quali sono le modalità di apprendimento della scrittura (cosa che avevo francamente rimosso, come ogni adulto del resto).
Apprezzo la lentezza con cui i maestri di Giulia propongono i grafemi e l’attenzione posta sulla grafo-motricità, a partire dalla prensione della matita.

 

A1BB3AED-88EF-4B29-9230-9ABC72F5304E

Difetto, quello dell’impugnatura scorretta, che alla lunga può creare difficoltà, abbandono della scrittura a mano, persino tendiniti. Lo studio del pianoforte insegna: se la diteggiatura non è perfetta i dolori giungono presto. Non possiamo essere tutti pianisti ma scrivere è una competenza democratica, tutti devono imparare a farlo.

 

EE5D36A1-37E4-4CC7-AC9B-818F48F19F2F9517A1B9-EDF2-417C-9914-2A62322197E1

La scrittura viene molto prima della lettura e comprensione del testo ma può essere esercitata emettendo dei suoni.
Oggi mia figlia mi ha fatto vedere una tecnica, insegnatale dal suo maestro.
Per tutta la durata del grafema, per esempio la “U”, dal punto in alto a sinistra, giù per la curva e di nuovo in salita bisogna emettere il fonema UUUUUUUUU.

So che per voi queste sono quisquilie ma a me si è aperto un mondo. Mi chiedo quanti insegnanti (sicuramente sono tanti, ne conosco personalmente diversi presenti sui social) dedicano tutto questo tempo all’assimilazione delle letterine prediligendo anzitutto lo stampato e rimandando il corsivo al momento in cui i bambini sono davvero pronti, magari alla fine della prima elementare.

Tornando agli alunni di prima media: moltissimi detestano l’uso del corsivo, la scrittura veloce, quella che corre, appunto.
Non sarà che quelle lunghe intere frasi scritte alla lavagna in corsivo dagli insegnanti, lo scimmiottare dei piccolissimi (a volte in prima ci sono bimbi di 5 anni e tre mesi), l’ammaestramento che è solo copiare senza capire, senza interiorizzare, alla primaria, danneggia i nostri bambini sin dai primordi? Non sarà che l’autostima,  inconsciamente, viene meno non appena il bimbo si rende conto che scrivere è difficile? Difficilissimo, perchè è una competenza nuova. Non l’ha mai fatto prima e non si è esercitato mai a casa. Forse non ha mai giocato a disegnare, a strappare la carta, a incollarne pezzetti su un altro foglio o non ha mai impastato plastilina o farina per dolci. Insomma non hanno mai messo in moto la motricità fine.

DC3868C0-670C-4618-8269-A6AE5AE02EB5.jpeg
Chi lavora alle scuole Medie non può non conoscere questi aspetti così delicati.
Io ho una Laurea, una Specializzazione e un Dottorato di Ricerca, ma se non avessi una bambina di sei anni in casa, probabilmente, penserei ai miei alunni come degli inetti che non hanno voglia di scrivere una paginetta.

Come? Dopo soli 5 anni di esercizio scrittorio?

Ho chiesto sulla mia pagina FB di intervenire in merito a questo tema e le risposte sono stante interessanti. In particolare riporto quella di Michela Vandelli, esperta di processi di apprendimento.

Ti parlo della mia esperienza.
Sono tutor e lavoro coi bambini della primaria con difficoltà di apprendimento.
Molti di loro arrivano già con Diagnosi di Dsa. Ecco. Io mi concentro sul recupero delle abilità di base e sui prerequisiti . E ció che vedo è sconfortante.
Nessuna cura sull’ importanza dell’impugnatura che in prima elementare è già acquisita: è un’ abilità di competenza della scuola materna e si consolida verso i 4 anni. Quindi quando è scorretta è perche non si è data la giusta importanza alla prensione nella scuola dell’infanzia. Per fortuna è modificabile anche in prima elementare.
Ma sembra che non importi a nessuno.
Nessuna cura sulla programmazione motoria delle lettere, che hanno il loro verso e che determinano poi una scrittura fluente e poco faticosa; fondamentale poi la programmazione motoria del corsivo. Le lettere si attaccano con fatica se lasciamo scrivere i bambini copiando una immagine scritta da noi alla lavagna, è come dare una chitarra in mano e dire:” prova a copiarmi” , copiano come possono.
Il corsivo va insegnato con calma e attraverso il movimento. E va prima preparato con i pregrafismi per mesi e mesi, senza fretta. Abbinando attività che facciano maturare un buon gesto grafico. In ultimo, nessuna cura per quanto riguarda la corrispondenza grafema / fonema, si fanno spessissimo copiare i bambini dalla lavagna parole intere senza che sappiano cosa stiano facendo.
La sillaba, santa pazienza, quella roba meravigliosa che è il metodo fono sillabico che conduce i bambini direttamente dentro la parola.
Morto!
E le difficoltà aumentano…

Se avete un bimbo piccolo, fate attenzione a questi dettagli: potete contribuire a cambiare la loro futura vita di studenti.

Le mani sono il nostro cervello.

 

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑